PRIMAVERA PREALPINA EST:
LA VEGETAZIONE DEI RILIEVI CALCAREI

Panoramica.JPG
  • Quando: 14.05.2022

  • Dove: Val Ravella (Canzo, CO)

  • Lunghezza: circa 11,5 km

  • Dislivello: circa 725 m (485-1210 m s.l.m.)

  • Durata: circa 8 ore

  • Difficoltà: ■■■□□

  • Prezzo: 20,00 €

Affacciate su una pianura sempre più urbanizzata, le Prealpi calcaree sorvegliano la mole dell’arco alpino e custodiscono un patrimonio naturalistico di inestimabile valore. Dai prati aridi ai fiori endemici delle rupi calcaree, molti sono i motivi di interesse geobotanico di questi rilievi… noi ci soffermeremo in particolare sulle foreste e sul loro sottobosco, vegetazioni che proprio sui substrati calcarei raggiungono i più alti livelli di biodiversità. La foresta è un’entità tanto suggestiva quanto difficile da decifrare: il suo aspetto dipende non solo dal complesso mosaico di condizioni ecologiche del territorio, ma anche dall’azione millenaria dell’uomo con le sue pratiche agro-silvo-pastorali. La Val Ravella, situata tra i Corni di Canzo e il Sasso Malascarpa, è uno dei luoghi migliori per contemplare questi aspetti del territorio prealpino fin dagli albori della primavera.

3_Primavera_prealpina_est_la_vegetazione_dei_rilievi_calcarei_MAPPA.png

Duccio Tampucci - Ph.D.

Naturalista geobotanico - Guida AIGAE n. LO532

C.F. TMPDCC84C29F205J - P.I. 08702510960

 duccio.tampucci@gmail.com - +39 339 8530168